Salvatore Cicu fboff twoff ytoff

 

Incontro con il Sottosegretario alla Presidenza del Governo Italiano Graziano Delrio

incontrodelrio-post

La programmazione europea faccia leva su un sostegno reale alle medio piccole imprese. Sardegna e Sicilia sono un serbatoio di eccellenze a cui l'Europa deve guardare

Politica di coesione e Programmazione 2014-2020 sono state al centro del mio confronto odierno in Commissione Regi con il Sottosegretario alla Presidenza del Governo Italiano, Graziano del Rio.

Lo stanziamento e la mobilitazione di 351,8 miliardi di Euro destinati alle regioni e alle città dell'UE rappresentano una priorità assoluta per la Presidenza Italiana nel corso del Semestre europeo, strumenti di investimento che consentiranno all'Unione Europea di realizzare gli obiettivi della Strategia Europa 2020, con un focus particolare sulla crescita, sull'occupazione, sulla riduzione della povertà e dell'esclusione sociale.

Per raggiungere questi obiettivi occorre orientarsi migliorando l'approccio dei territori verso la programmazione europea, utilizzando le risorse disponibili in modo coordinato ed efficace, e accrescendo gli investimenti sulla competitività delle aziende nei contesti regionali, in modo da eliminare le disparità economiche, sociali e territoriali che ancora sussistono.

È necessario sapere quali siano attualmente le misure che il Governo Italiano voglia attuare per garantire percorsi di crescita e occupazione nel medio-breve termine, e soprattutto come voglia interfacciarsi con le Regioni per implementare operativamente le opportunità della programmazione 2014-2020 nei confronti delle aziende.

Sono soprattutto le medio piccole imprese ad attendere risposte, motore di un rilancio economico basato sulla qualità delle produzioni e sull'identità dei territori. La Sardegna e la Sicilia rappresentano in questo senso un serbatoio di eccellenze a cui l'Europa, e la Presidenza Italiana, debbono guardare nell'ottica di una valorizzazione basata sulle risorse.

I fondi UE sulla politica di coesione sono destinati proprio alla promozione dell'imprenditorialità e al sostegno delle aziende: 140 miliardi di euro per ridare ossigeno e fondi ad un settore determinante per l'economia europea. E' dunque importante attivare rapidamente meccanismi concreti di sostegno alle medio piccole imprese, affinché possano accedere ai finanziamenti attraverso sussidi, prestiti, garanzie sui prestiti, sfruttando al meglio le nuove opportunità di crescita che l'Ue sta realizzando.

In modo particolare occorre investire sul capitale umano, affiancando le aziende di figure specializzate per accrescere la formazione e l'informazione su bandi, normative e nuovi percorsi progettuali.

Seguimi su Facebook

Seguimi su Twitter